sabato 2 agosto 2014

LA MIA OPINIONE SU...UN OSCURO SEGRETO DI KALAYNA PRICE

Buon pomeriggio lettori! Eccomi qua con una nuova recensione. Il libro di cui vi parlerò è il primo di una serie urban fantasy con protagonista una strega molto speciale.

Titolo: Un oscuro segreto

Autrice: Price Kalayna
Prezzo: € 10,00
Dati: 2013, 348 pagine
Editore: Fanucci  (collana Tif extra)


Trama: Come una strega che vive tra le tombe, Alex Craft può parlare con i morti e quello che ascolta non sempre le piace: diciamo che con la Morte non sempre va d'accordo. Come consulente della polizia ha avuto a che fare spesso con la magia nera, ma nulla le appare così pericoloso come questo ultimo caso. Qualcosa di insolito cerca di aggredirla e qualcuno, subito dopo, cerca di ucciderla, qualcuno che non vuole che lei sappia cosa hanno da dire i morti questa volta... Per scoprire la verità, Alex Craft dovrà lavorare a stretto contatto con l'affascinante quanto misterioso detective della sezione Omicidi Falin Andrews, e il loro incontro potrebbe trasformarsi in qualcosa di intimo e seducente...

La mia opinione: Alex Craft è la protagonista di "Un oscuro segreto", un'eroina che ricalca la personalità e il carattere di personaggi femminili già famosi nello scenario urban fantasy.

Alex è una strega con un' abilità molto particolare, riesce a comunicare con i morti. 
Grazie al suo potere riesce a guadagnare abbastanza per sopravvivere, anche se essere un' investigatrice del paranormale non è un' attività molto remunerativa.L'ho considerata immediatamente una ragazza sveglia e tenace, soprattutto per la forza di volontà con cui si tiene lontana dal padre, vice-governatore di Nekros City, famoso per la sua avversione per il paranormale.
Il caos scoppia in città, quando alcune donne vengono assassinate e i loro corpi rinvenuti all'interno di cerchi magici, impregnati di magia oscura, così come quello del governatore Coleman, un cadavere che nasconde molti segreti.
Inizialmente, Alex viene coinvolta per lavoro, ma piano piano che il caso avanza e l'intreccio si fa più fitto,  il cerchio si stringe sempre di più intorno a lei , svelando arcani segreti e oscure verità.
L'ambientazione mi è piaciuta, Nekros City è una città moderna dove convivono umani e creature magiche, ma non sempre la situazione è molto pacifica.
Le specie soprannaturali che popolano la storia sono le fate e le streghe, le prime sono creature splendide e affascinanti che grazie alla "malia" nascondono il loro vero aspetto e le loro intenzioni , mentre le streghe sono di vario genere e si specializzano in una determinata capacità.
Un bel corollario di personaggi compone la storia, anche se qualche volta, sono caduta in confusione con qualche nome. Sono davvero tanti!
Il più simpatico è senza dubbio PA, il cagnolino spelacchiato di Alex mentre il primo posto, sul podio del più sexy,  se lo giocano l'affascinante  poliziotto Falin e Morte, il tenebroso esattore di anime, entrambi desiderosi di entrare nelle grazie di Alex.
L'intreccio è interessante, un bel thriller fantastico che tiene il lettore con il fiato sospeso e si segue con molto interesse, donando alla lettura un andamento scorrevole e dinamico.
Diciamocelo, non è originalissimo, in quanto la trama ricorda indubbiamente lo stile di Anita Blake, Rachel Morgan  e Cassandra Palmer, ma nonostante questo ho apprezzato comunque la lettura.
L'inizio di questa serie sembrava promettere bene, peccato che  non si abbiano ancora notizie del seguito. Non mi resta che incrociare le dita e aspettare ^^

VALUTAZIONE FINALE : 3 FATINE E MEZZO!


Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic e mezzo!

Buona lettura

Anita

3 commenti:

Annalisa Lupo ha detto...

Bella recensione, Anita ^-^
L'unico neo di questo libro è che non si sa se pubblicheranno il seguito... quindi non lo comprerò finché non saprò se andranno avanti con la serie .-.

CHIARA ROPOLO ha detto...

anche a me era piaciuto, speriamo continuino la pubblicazione

Anita Blake ha detto...

Grazie Annalisa! Purtroppo non resta che incrociare le dita e sperare...