sabato 1 agosto 2015

LA MIA OPINIONE SU : IL TUO MERAVIGLIOSO SILENZIO DI KATJA MILLAY

Buongiorno lettori! Come va? Stasera è arrivata la pioggia e finalmente ha portato un pò di fresco. Peccato però che abbia rovinato il sabato sera! Prima di cena vi lascio con la recensione dell'ultimo libro che ho letto.
 Il tuo meraviglioso silenzio è una storia d'amore complessa tra due protagonisti problematici e solitari.

Titolo: Il tuo meraviglioso silenzio

Autrice: Millay Katja
Prezzo: € 14,90
Dati: 2014, 462 pagine
Editore: Mondadori  (collana Chrysalide)
Trama: Le sue dita non possono più correre sul pianoforte, il suo mondo pieno di note è diventato muto. Nastya era una promessa della musica, prima. Prima che tutto precipitasse, prima che la vita perdesse ogni significato. Da 452 giorni Nastya ha smesso di parlare, e il suo unico desiderio è tenere nascosto il motivo del suo silenzio. La storia di Josh non è un segreto: ha perso tragicamente i suoi cari, e solo nel recinto impenetrabile che ha costruito intorno a sé si sente al riparo dalla compassione degli altri e libero di dedicarsi in solitudine all'unica cosa che lo tiene in vita: intagliare il legno. Quando sembra non esserci più luce né speranza, Nastya e Josh si trovano e le sensazioni sopite esplodono dal corpo e dal cuore. Due lontananze si incontrano, cercando l'una nell'altra la forza per superare il passato e rinascere davvero. 
La mia opinione : I protagonisti di questa storia sono Nastya e Josh, due anime sole che la vita ha messo a dura prova, ma che il destino ha fatto incontrare.
Nastya si nasconde dietro un falso nome, abiti volgari, un atteggiamento scontroso, ma soprattutto, dietro al silenzio.
Da quando una brutale aggeressione le ha sconvolto la vita, togliendole la capacità di suonare, ha deciso di isolarsi dal mondo smettendo gradualmente di parlare.
Una difesa che insieme a tante piccole paranoie tengono insieme i pezzi di una ragazza triste e malinconica che si rifiuta di andare avanti e di affrontare i suoi fantasmi.
Altrettanto chiuso ed introverso è Josh, un ragazzo che in poco tempo ha perso l'intera famiglia rimanendo solo.
Per esorcizzare le sue paure intaglia il legno ed è un maestro nell'arte della falegnameria, l'unico modo che possiede per sfogare la rabbia contro il destino che gli ha strappato tutti i suoi affetti in poco tempo.
Ed è proprio grazie al laboratorio di falegnameria della scuola che incontra Nastya , la ragazza nuova appena arrivata in città.
Il loro legame s'instaura lentamente, partendo da una marcata diffidenza fino ad arrivare ad un'amicizia straordinaria.
Questo è l'aspetto che mi ha colpito di più del romanzo. Finalmente una coppia che non s'innamora in due minuti!
La loro conoscenza è lenta è graduale, così come i sentimenti che provano l'uno per l' altra. D'altronde era impossibile fare diversamente. Due personaggi così complicati, chiusi ed introversi non potevano di certo abbattere le loro barriere in un battibaleno!
Entrambi mi sono piaciuti anche se non esageratamente. Non è facile per il lettore affazionarsi a due personaggi così duri con la vita e con se stessi che si comportano spesso in maniera scontrosa e antipatica.
Ho apprezzato molto il mistero legato all'aggressione subita da Nastya, l'autrice infatti non ci svela subito cosa è accaduto, ma ce lo lascia immaginare attraverso piccoli frammenti.
La lettura scorre bene e fluentemente, anche se con un numero minore di pagine e la conseguente eliminazione di alcune parti piuttosto statiche, sarebbe stata ancora più intensa.
Sostanzialmente è un romanzo che mi è piaciuto, anche se mi aspettavo molto di più da un tema così forte.
Mi immaginavo uno sviluppo più delicato e uno stile più morbido invece mi sono imbattuta comunque in parolacce, battute volgari e in alcuni dei tipici clichè new adult che ormai detesto.
A furia di ripeterlo lo sapete anche voi che ho l'orticaria delle feste studentesche, delle cheerleader snob, del "fighetto" della scuola e dell'inevitabile sbornia che unisce la coppia protagonista.
Non sempre ho concordato con Nastya e le sue idee che a volte ho trovato  incoerenti. Insomma, che senso ha ubriacarsi ad una festa di scuola quando non vuoi avere rapporti con nessuno dei tuoi compagni? Perchè vestirsi in maniera aggressiva e volgare quando sei muta perchè non vuoi attirare l'attenzione?
Diciamo che alcuni atteggiamenti non mi hanno convinto e le motivazioni per cui nascono mi sono sembrate piuttosto deboli.
Non fraintendetemi, il romanzo mi è piaciuto e sotto alcuni aspetti mi ha colpito, peccato però per quelle piccole mancanze che lo avrebbero reso molto più intenso ed emozionante.
Una lettura consigliata per chi ha voglia di una storia d'amore sofferta, basata su un tema forte e con dei personaggi difficili e introversi.

VALUTAZIONE FINALE: 3 FATINE E MEZZO!

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic E MEZZO!

Buona lettura

Anita

3 commenti:

Francy NeverSayBook ha detto...

DEVO assolutamente leggerlo! I personaggi duri mi piacciono :P

CHIARA ROPOLO ha detto...

a me era piaciuto molto, mi erano piaciuti anche i personaggi secondari clichè.

Anita Blake ha detto...

E' piaciuto anche a me, a parte quelle poche cose :)