lunedì 1 settembre 2014

LA MIA OPINIONE SU...MI PIACE VEDERTI FELICE DI ROSSELLA RASULO

Buonasera lettori! La recensione di oggi è dedicata ad un romanzo che sfortunatamente non ha soddisfatto le mie aspettative e mi ha lasciato un pochino delusa.

Titolo: Mi piace vederti felice
Autrice: Rasulo Rossella
Prezzo: € 16,00
Dati: 2012, 243 pagine
Editore: Mondadori  (collana Chrysalide)


Trama: Per la vacanza dei suoi diciotto anni Aura progetta un'estate al mare coi suoi migliori amici, Paola e Alessio, e un quarto incomodo, Lorenzo, il fratello di Paola. La meta è l'isola d'Elba, luogo in cui era solita andare in vacanza con i suoi genitori. A Marciana Marina, nella vecchia casa di famiglia, il ritrovamento del diario di sua nonna svela a poco a poco un segreto che sconvolgerà tutta la sua vita. Mentre i ricordi affiorano tra i vicoli del paese, nell'antica torre del molo e lungo le spiagge assolate, nuovi sentimenti si intrecciano a misteri dimenticati, e al ritorno nulla potrà essere più come prima. 

La mia opinione: Aura è un adolescente come tante, dopo una brutta rottura con il fidanzato, decide di partire con i suoi amici per l'isola d' Elba , in cerca di relax e spensieratezza.

La casa in cui i ragazzi alloggiano, apparteneva alla nonna di Aura, una figura molto importante per la ragazza che dopo due anni dalla morte ne soffre ancora la perdita.
L’edificio, antico e pieno di ricordi, nasconde un segreto familiare molto importante, legato soprattutto ad Aura che ne verrà a conoscenza dopo aver trovato un vecchio diario.
Una verità scottante che cambierà per sempre la sua vita e da cui riuscirà ad emergere solo grazie all’aiuto dei suoi amici e soprattutto  di Lorenzo, il fratello di Paola, con cui sta nascendo qualcosa di speciale.
La storia è semplice e lineare. I colpi di scena, annunciati nella trama, sono in realtà smorzati e prevedibili, privi di quell’adrenalina che mi hanno riservato altre letture.
Ad attirarmi di questa romanzo erano proprio il segreto familiare e il diario della nonna che non si sono rivelati speciali e interessanti come speravo.
Brani del diario compaiono a sprazzi e fino a metà del romanzo risultano inutili e piuttosto noiosi in quanto  riassumono episodi della vita quotidiana dell’ anziana e la nostalgia che prova nei confronti del defunto marito.
Il resto della storia è incentrato su Aura e sul rapporto con gli amici. Alessio, Paola e Lorenzo restano elementi di sfondo, il loro carattere non emerge e non sono riuscita ad affezionarmi a nessuno di loro.
I sentimenti, sbocciati tra Lorenzo e Aura,  potevano donare un tocco romantico alla storia, ma purtroppo non è servito a risollevarne l’andatura, forse proprio perché non sono entrata in sintonia con i personaggi.
Il ritorno di Daniele e la gelosia di Paola, nei confronti del fratello,potevano essere incentivi a movimentare la vicenda, ma in realtà si rivelano episodi poco coinvolgenti e appassionati.
Lo stile fluido dona un andamento rapido e scorrevole, grazie anche ai capitoli brevi in cui la narrazione è suddivisa.
Di questo romanzo ho apprezzato molto l’atmosfera spensierata, tipica delle vacanze e le descrizioni, l’ Isola D’ Elba deve essere sicuramente stupenda!
Da soli purtroppo questi elementi non sono bastati per farmi apprezzare pienamente  il romanzo, i personaggi poco caratterizzati e le situazioni a volte prevedibili hanno rallentato il ritmo della lettura, enfatizzato soltanto dallo stile.
Su questo romanzo avevo grandi aspettative e mi dispiace ammettere che purtroppo non sono state ampiamente soddisfatte.

VALUTAZIONE FINALE : 2 FATINE E MEZZO!

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic E MEZZO!

Buona lettura

Anita

2 commenti:

Annalisa Lupo ha detto...

Il teaser che avevi postato di questo libro mi aveva incuriosita, ma dopo la tua recensione non credo che sarà tra i miei acquisti futuri .-.

Anita Blake ha detto...

Mi dispiace molto quando non riesco ad entrare in sintonia con i personaggi di un libro, ma in questa storia non ci son proprio riuscita. Li ho trovati molto distanti e freddi.