sabato 14 giugno 2014

LA MIA OPINIONE SU...IL BACIO DI JUDE DI DAVIDE ROMA

Buongiorno lettori! Ho appena preparato la recensione di un romanzo made in Italy che ho terminato ieri, ma che mi ha lasciato piuttosto insoddisfatta..

Titolo: Il bacio di Jude
Autore: Roma Davide
Prezzo: € 17,90
Dati: 2013, 289 pagine
Editore: Sperling & Kupfer  (collana Pandora)

Trama: La vita in un paese piccolo come Twindale, Massachusetts, può essere noiosa. Molto noiosa. Ma Jude Westwick, diciassette anni e un animo ribelle, ha trovato un modo tutto suo per evitare la monotonia della provincia: infrangere ogni regola. Ecco perché si diverte a fumare nel cortile della scuola proprio sotto il cartello "vietato fumare", e a fare a pugni nei corridoi solo per attirare l'attenzione di Emily, la biondina per cui si è preso una cotta colossale. Ed ecco perché il preside ha deciso di punirlo. Costringendo lui, e il suo migliore amico Big Head, a passare il sabato pomeriggio in biblioteca. Jude è furioso. Eppure, quel pomeriggio, la sua vita cambierà per sempre. Infatti, sfogliando i vecchi giornali dell'archivio, s'imbatte nella notizia di un efferato fatto di sangue, consumato quarant'anni prima, proprio nel sotterraneo della casa in cui abita con i genitori. Incuriosito, decide di cercare il passaggio per il sotterraneo e scopre così un segreto terrificante: una stanza chiusa a chiave da sempre, piena di misteriosi volumi vergati a mano. Volumi che parlano di lui. In quella stanza è sepolto l'intero destino di Jude. Un destino spaventoso, oscuro, crudele. Ma il destino è davvero ineluttabile? O c'è un modo per cambiare ciò che è già scritto? Grazie all'amore di Emily, e all'aiuto di Amber, una tormentata ragazza dai capelli rossi come il fuoco, Jude dovrà imparare a conoscere la sua vera natura e a dominarla. Compiendo così la scelta più difficile di tutte...

La mia opinione: Ho cominciato questa lettura senza grandi aspettative e speravo ardentemente di ricredermi, ma purtroppo non è stato così.

Il bacio di Jude è l'ennesimo romanzo stereotipato e farcito di clichè che affollano le librerie negli ultimi anni.
Mi dispiace ammetterlo, perchè lo stile dell'autore, leggero e scorrevole, mi è piaciuto e ha reso la lettura estremamente fluente.
Jude è un adolescente, di famiglia benestante,  descritto come uno sfrontato ribelle, quando in realtà è solo un ragazzino viziato che perde tempo a scuola scarabocchiando pareti e fumando dove non si può.
Ho trovato antipatico e fastidioso il modo ripetitivo in cui tutti lo trattano come un moderno fuorilegge anche se non lo è.
Oltre ad essere piuttosto viziato e anche un personaggio pieno di sè che si pavoneggia e si vanta di essere migliore del resto dei suoi compagni ,status estremamente semplice da raggiungere, in quanto sono divisi in ochette altezzose e superficiali e  ignoranti giocatori di basket, tutto muscoli e zero cervello.
La storia prende forma, quando Jude scopre casualmente uno stanzino segreto in casa sua, dove trova del materiale visivo e cartaceo che documentano episodi sovrannaturali della sua vita.
Una verità incredibile prende forma di fronte ai suoi occhi. Jude è l'incarnazione di Sheitan, un demone potentissimo, controllato da una setta antica chiamata Golden Dome.
I suoi genitori, in realtà non sono tali, ma sorveglianti che lo hanno allevato, documentando minuziosamente ogni episodio della sua vita, per conto della setta.
La reazione di Jude è assurda e praticamente vuota. Nemmeno una lacrima o un briciolo di dolore al pensiero che i genitori non siano davvero suoi, ma solo rabbia per essere stato spiato.
Il modo in cui Jude prende coscienza dei suoi poteri paranormali, che peraltro sbocciano all'improvviso e senza alcuna evoluzione, è sconcertante.
Abbiate pazienza, ma l'autore ha dedicato più tempo a parlare degli stati che Jude mette su facebook che approfondire le sue reazioni e l'evolversi dei poteri, creando un notevole squilibrio.
I capitoli brevi e l’ andamento scorrevole sono stati gli unici elementi che mi hanno condotto fino alla fine, probabilmente senza di essi, sarebbe stata una lettura molto più lenta.
In alcuni momenti però, gli sviluppi erano così veloci ,da togliere valore a momenti più importanti e significativi.
La parte romance non mi è piaciuta, perché ricama il solito triangolo amoroso. Jude si destreggia tra la sua migliore amica, una ragazza punk innamorata di lui ed Emily, una ragazza bella e ricca che all’interno della storia non ha alcuno spessore.
I personaggi che costruiscono la vicenda sono comparse, con una personalità poco accennata e in gran parte dei casi stereotipata.
Jude, non mi è piaciuto, perché vanitoso e arrogante. La sua figura è palesemente costruita e non emerge in maniera naturale, ma solo attraverso le parole degli altri personaggi.
La trama è carina, ma non eccezionale. Diciamo che non mi ha suscitato un interesse particolare.
Nel finale si riprende, l'azione aumenta e il mistero s' infittisce, peccato però che il tutto si concluda bruscamente, senza arrivare ad una vera e propria fine, lasciando la situazione in sospeso.
Dopo aver letto la storia intrigante di  “Il sostituto” di Brenna Yovanoff , questo young adult mi è sembrato scontato e poco entusiasmante. Peccato, poteva essere un ottima lettura, ma non me la sento di dargli la sufficienza.

VALUTAZIONE FINALE : 2 FATINE

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

Buona serata

Anita

4 commenti:

Annalisa Lupo ha detto...

Questo libro è nella mia wishlist da un po' però non mi sono mai decisa a comprarlo soprattutto perché sto aspettando che venga almeno pubblicato il seguito .-. e la tua recensione di sicuro non mi spinge a comprarlo .-.

Anita Blake ha detto...

Sinceramente non te lo consiglio, del seguito non c'è traccia e il costo di questo libro è spropositato rispetto a quello che vale. Risparmia x letture migliori :)

CHIARA ROPOLO ha detto...

avevo comprato l'ebook, mi ispirava molto dalla trama, peccato. Credo che lo leggerò lo stesso, ormai l'ho preso, ma con aspettative molto ridimensionate

Anita Blake ha detto...

Per me è stata una delusione, soprattutto perchè la lettura si era fatta interessante sul finale, interrotto bruscamente.